Enrico Crippa inizia a lavorare prestissimo, all’età di sedici anni come apprendista nello storico ristorante milanese di Gualtiero Marchesi, incredibile fucina di creatività e talenti, nello stesso periodo tra gli apprendisti di Marchesi era presente anche Carlo Cracco.

Nel percorso di formazione dello chef non mancano esperienze internazionali, infatti nella sua cucina sono presenti contaminazioni Francesi ed Asiatiche, frutto delle esperienze lavorative in Francia e Giappone.

La carriera di chef Crippa decolla definitivamente nel 2003 grazie all’incontro con la famiglia Ceretto con la quale inizia, nel 2005, il progetto del Ristorante Piazza Duomo, in Alba. Il 2006 è l’anno della consacrazione e del primo meritato riconoscimento da parte della guida Michelin con la prima Stella; nel 2009 arriva la seconda stella ed il 14 novembre 2012 ottiene la terza stella Michelin.

Il Piemonte e le Langhe

Gli elementi formidabili che questo angolo d’Italia offre sono rinomati in tutto il mondo per varietà e qualità: la carne di Fassona, la Nocciola Tonda Gentile, le castagne, i funghi, il Tartufo Bianco d’Alba, il cappone, il coniglio, il burro di panna fresca, le patate d’Alta Langa, il cardo gobbo di Nizza, i topinambour, le rape bianche…

Enrico Crippa ha dato un apporto importantissimo alla cucina Italiana e Piemontese, approfittando al meglio di ciò che il territorio offre e mettendo mano alle ricette tradizionali tramite la sua forte personalità ed inventiva.

“Anche se parto da ciò che mi offrono l’orto e questo territorio, c’è un momento in cui emerge la mia idea, la mia personalità: se questo venisse a mancare, diventerei incapace di trasmettere l’energia che genero quando cucino per i miei ospiti”.

Enrico Crippa

Chef, Ristorante Piazza Duomo